Le Biotecnologie al Servizio dell“uomo: un successo strepitoso!

Il nostro corso di laboratorio "Le Biotecnologie al Servizio dell'Uomo" si è concluso da poco, ed è già tempo di bilanci.

Ripensando all'esperienza appena vissuta non possiamo che essere felici ed entusiasti vista la riuscita del nostro obiettivo: ovvero il coinvolgimento dei giovani studenti liceali che, grazie al nostro lavoro, in particolare grazie a quello dei nostri tre meravigliosi docenti, Teresa Faddetta, Emilio Rimini e Chiara Verga, hanno appreso cosa significhi realmente studiare la biologia e soprattutto cosa significhi applicare alla pratica ciò che si studia quotidianamente.

Infatti, dopo aver condotto diversi studi in aula con i docenti, i nostri giovani studenti si sono cimentati nella realizzazione di alcuni esperimenti come: La colorazione di Gram, una tecnica di colorazione che permette di classificare i batteri in Gram positivi (Gram +) e Gram negativi (Gram -), l'Estrazione del DNA, che consiste nell'estrarre il DNA dalle cellule della mucosa boccale e di inserirlo all'interno di una piccola provettina contenente etanolo al 70% per farne un ciondolo da appendere al collo, Biologia Forense la disciplina che studia i resti umani nell'ambito di indagini dell'autorità giudiziaria allo scopo di identificarli e di fornire informazioni utili all'accertamento delle circostanze e delle cause della morte e all'individuazione di eventuali responsabili, e l'Elettroforesi che consiste nell'analizzare alcuni segmenti di DNA per capire se un determinato soggetto, in base alle patologie presenti in famiglia, è geneticamente predisposto per svilupparle o meno.

Un'esperienza, quest'ultima, che, come loro stessi hanno dichiarato, ha entusiasmato davvero tanto i nostri studenti che, partecipando al nostro corso, hanno scoperto una passione per il mondo della biologia che in futuro potrebbe portarli tutti, o quasi, a scegliere di continuare il proprio percorso di studi in questo ambito.

Per esempio la nostra studentessa Valeria Biondolillo, del Liceo Scientifico "Benedetto Croce" ha dichiarato che il nostro corso le è piaciuto tanto, perché ha fatto molte più cose rispetto a scuola e, a quanto pare, rispetto a ciò che fanno realmente all'università. I docenti si sono rivelati essere molto comprensivi e disponibili e grazie a loro ha imparato davvero tante cose nuove rispetto a scuola, dove non fanno mai pratica. Cosa quest'ultima grazie alla quale questa volta gli studi fatti le sono rimasti in mente. Infine, la nostra Valeria ha dichiarato che il corso le ha aperto un mondo che fino ad ora non aveva mai considerato.

Dello stesso avviso è stata Giulia Di Benedetto, studentessa all'ultimo anno del Liceo Scientifico “S. Cannizzaro”, che ha dichiarato che la cosa che le è piaciuta di più in assoluto è stata la possibilità di mettere in pratica, tramite i nostri esperimenti, tutto ciò che aveva studiato fino ad ora e di aver preso in considerazione l'idea di continuare in questo ambito il suo percorso di studi.

 

Al termine dei nostri corsi tutti gli studenti, divisi in gruppi di quattro persone, hanno preparato dei poster tramite i quali hanno presentato i lavori svolti durante il laboratorio, e durante la giornata conclusiva di “Le Biotecnologie al Servizio dell'uomo” sono stati premiati: per il Gruppo A, guidato da Teresa Faddetta, Martina Foti, Claudia Gasparro, Alberto La Barbera e Andrea Pennacchio, con un esperimento sull'Estrazione del DNA; per il Gruppo B, guidato da Emilio Rimini, Giuseppe Amico, Diana Calderone, Giulia Di Benedetto e Alessandro Molinelli con un esperimento sull'estrazione del DNA; per il Gruppo C, guidato da Chiara Verga, Laura Buscemi, Marco Maenza, Chiara Maniscalco e Alessia Ventura, con un esperimento sulla Colorazione di Gram.

Ma tutti noi ci teniamo a specificare che in realtà i vincitori sono tutti i ragazzi che hanno deciso di partecipare al nostro corso, per i quali ci prefiggiamo l'obiettivo di garantire un futuro roseo nel campo del sapere scientifico. 

I Vincitori del corso